6.10.10

DOMINATRIX!

un po' di tempo fa Doc mi ha regalato questo fumetto di Gene Simmons ("la lingua" dei Kiss....brrrrrr, non so mai se desiderare di averlo per un paio d'ore a mia disposizione per farmi leccare come si deve o per fargli il culo come piace a me!) che ognitanto tiro fuori per rifarmi gli occhi.
La bellezza del disegno sta nella "salute" fisica e nell'assoluto potere che la protagonista ha sugli uomini. mentre leggo provo questa e quella espressione e posa: le tette minacciose, la bocca porn, le mani intraprendenti, le gambe tese. Esistono davvero donne cosi: belle e capaci di far fare ad un uomo quel che vogliono. Esistono donne che riescono a farsi desiderare a tal punto da un uomo che non esiterebbe a compiere qualunque azione per loro.
Ecco. e quando ho finito di leggere penso con un sospiro di sollievo "menomale, che non sono una donna cosi!"
Vabè, mod, fai come la volpe con l'uva allora...
No, dico davvero io. Pensateci un attimo donne - ma anche voi uomini: Vorreste davvero avere questo potere su una persona? Vorreste davvero che quella persona smettesse di ragionare con la propria testa?
Nel gioco s/m e esattamente nel rapporto fra dominante e sottomesso è indispensabile. Il problema è che la maggior parte di chi fa questi giochi li trasferisce anche nella realtà. Conosco una donna, 50enne mi pare, che ogni sera/ notte si trasforma in Lolita minorenne su Second Life. E la sua vita quotidiana sta andando in pezzi senza che nessuno possa svegliarla. Conoscevo una ragazza per laquale le mie lame furono una vera ossessione. Ricordo un ragazzo che si uccise perché il gioco era finito. Una donna molla il marito (sì, un po' noioso - come tutti i mariti e tutte le moglie) e tre figli per un tizio conosciuto in un club a tema in una notte buia e tempestosa a berlino. Ora lui si tira su i figli e lei si veste da adolescente ed è sempre alla ricerca della "one-night-session" perfetta.

E poi ci siamo noi altri: io, Tom, Doc ed altri che non nomino perché non so se hanno piacere di aparire in un mio post (sì, lo so, nemmeno voi Tom & Doc, ma che ci volete fare ragazzi: la fama porta anche questo inconveniente!)...insomma ci siamo noi che a quanto pare riusciamo benissimo a scindere fra gioco e realtà. Non credo sia solo questione di intelligenza. Credo sia questione di come si vede la vita in generale. è la capacità di distinguere fra cose importanti e non. fra amore e sesso. fra qualità e quantità - insomma fra gioco e realtà.

love, mod




p.s.: ecco la foto del template di cui diceva marco:

18 commenti:

unwise ha detto...

io dico sempre che il vero segreto per vivere bene è non prendersi mai troppo sul serio. c'è troppa gente che finisce per essere vittima di se stessa...una po' di speranza cmq c'è! qui siamo già almeno in tre, tu, io, e mr "god of thunder" Simmons.
sono decisamente in buona compagnia! :)

Ste ha detto...

Mmmmm....Sono troppo curiosa di cosa c'è nella testa delle persone per cercare di stravolgerne il pensiero con il dominio psico-fisico. Decisamente preferisco una persona che mi tenga testa e viceversa, che qualcuno che penda dalle mie labbra =)
Beso
Ste

Baol ha detto...

Non credo mi piacerebbe avere un tale potere su un'altra persona

Gio ha detto...

Tutto perfetto :-)

Ci ripensavo mentre ero in mensa, e del messaggio ricordavo solo il contenuto in generale, non avendo badato alle parole esatte (faccio sempre cosi quando voglio avere una lettura non troppo condizionata dal carisma di chi scrive: leggo di fretta, ci medito su, e poi torno per scoprire l'aderenza o la dissonanza).

Pero' alla fine è realtà e gioco, non gioco e realtà, vero?
(per mantenere l'ordine di amore e sesso, qualità e quantità).

E visto che ci sono: si, quando una persona significa cosi tanto per te, il condizionamento è possibilissimo.
Ma il non voler essere condizionato, in questo caso da te - so che è inutile dirtelo ma te lo dico - non è altro chela mia natura, il mio modo di guardare dritto negli occhi le persone, non in modo supino o dominante.
Perchè ... perchè io voglio si vedere nei tuoi, ma anche che tu possa vedere (se c'è qualcosa) nei miei.
Alla pari, dove è possibile (perchè per altre cose sei anni luce avanti).
E' un privilgeio che concedo a pochissime persone :-)

Vedi questo delirio?
Questa è una crisi di astinenza ;-)

Love,
Gio

Anonimo ha detto...

non c'è soddisfazione più grande del piegare una mente libera e intelligente per poi lasciarla andare, piacere più grande del convertire alla libertà una mente e un corpo incatenati.

mod ha detto...

un)...uhm...cosa ti fa credere che gene ed io ti facciamo membro del nostro club del buon senso, hm?! ;-))))))))

ste)...no! decisamente no! non hai la stoffa della sub! :) good girl!

baol) ecco, ma lo vedi che andreotti non aveva capito una mazza: il potere logora chi ce l'ha ... chi non ce l'ha ma è dotato di buon senso ne è sollevato! :)) ma quanto baoloso oggi! I love it! :)

gio)...realtà e gioco....giusto....lapsus freudiano il mio, cazzo ;-))
astinenza? e de che? (ma perché ho domandato?!)

anonimo) perché non ti firmi? ti sei forse accorto che hai scritto una cazzata?! :)

love to all, m.

Monsieur Leguizamo ha detto...

Permettimi di dissentire, mod:
Gli "individui" da te descritti non trasferiscono il gioco nella realtà, ma lo trasformano in un'ossessione.
La cosa è ben diversa, non trovi?
Ho avuto esperienze di 24/7 nella mia vita e la cosa non ha minimamente sconvolto nè il mio equilibrio, nè quello della schiava che viveva con me.
Poi, se c'è qualcuno che legge Superman e poi si lancia dalla finestra gridando: "più veloce della luce!"...bhè, cazzi suoi!

mod ha detto...

Legu) l'ossessione di per sé implica la perdità del senso della realtà. sono definizioni cmq. stiamo parlando delle stesse persone.

m.

unwise ha detto...

beh...con Gene posso invocare la solidarietà di categoria, visto che è un "collega" (potrei anche sostituirlo se ha bisogno di staccare, visto che abbiamo la stessa taglia, e gli farei risparmiare sul costumista...cosa alla quale il buon mr Witz tiene parecchio). con te dovrei invocare...tutti i santi del calendario, in particolare san tommaso, per assonanza almeno... :)

Ste ha detto...

E chi vuole essere sub?!?!? =) intendo dire che mi piace chi sa tenermi testa e allo stesso tempo mi piace tener testa a questa persona. E' una lotta (psicologica, nessun ferito o quasi nella mia "esperienza" =P) ad armi pari.
Beso
Ste
Ps ma alla fine la 'nduja te la faccio pervenire o no? O preferisci altro made in Calabria? =))

mod ha detto...

un) san tommaso. hm. un santo con cui avrei volentieri diviso il letto (allora non erano mica ipocriti come oggi!). "credere solo in quel che puoi toccare con mano" mi sembra una bella filosofia di vita. :) "invocare" da oggi farà parte delle mie parole preferite! yep!

ste) appunto!!! ;-)
son stata quaso due mesi gi. vuoi che non mi sia portata la scorta?!

love, mod

marco ha detto...

Dunque, sì, gioco e realtà...

Ma che bella foto nel template!

Stavo dicendo del gioco e...

Proprio bella la foto della biondina!

Ah, certo...Il gioco...

Aspetta che guardo ancora un po' la bionda inginocchiata, che lascia intuire di essere più bella della bellezza che lascia vedere.

E la realtà...Appunto, dicevo...

Essì, quei capelli biondi sulla pelle ambrata, come si fa a non ammirarli?!

Che dicevo?
Ah , sì!
La bionda in ginocchio ma con le spalle ben dritte e la schiena eretta, glutei sodi, la testa leggermente reclinata, non abbassata.
Come si fa a non fermarsi a guardarla?
Se il fotografo voleva trasmettere la dignità che può esserci nel ruolo, c'è riuscito in pieno.
Ma chi se ne frega del fotografo...Che bella!!!

mod ha detto...

marco) e anche questo tuo commento va nella mia "hall of fame" - devo solo trovare il modo di pubblicare i commenti più belli e poi fare il sondaggio - tu hai ottime possibilità di vincere il primo premio!)
mod loves marco for his style in writing!

Colei che... ha detto...

Messo il fumetto sulla lista degli acquisti al Luccacomics, e da aprte il voto a Marco come miglior commento! :P

listener ha detto...

notevole il post tra i miei preferiti d'ogni tempo e blogs...e poi ci sono teste che non sono adatte all'umiliazione del pensare ma sfiorano la perfezione nell'agire...

Kameo ha detto...

Rivendico la priorità di aver scoperto l'originalità della scrittura di Marco !!! :-P

perbacco ha detto...

Quando si è ben consapevoli della realtà è ancor più soddisfacente giocare sapendo di giocare. Per me.

Milo ha detto...

Ciao.

Temo che invece "giocare" sia la sola cosa accettabile che ci rimane al mondo.

La sola cosa per cui si provi ancora gioia (per cui valga la pena vivere)

Che almeno il gioco sia bello! (e abbia stile)

Baci!