8.6.10

docmovie - valhalla rising



non conosco un cazzo del cinema.
non conosco il tizio che lo ha girato.
non so un cazzo della "acclamata trilogia di pusher" che il regista avrebbe fatto.
non so mai un cazzo di niente di queste cose
che "bisogna sapere" -
un po' me ne vergogno che sono una caprona lenta e chiusa a non volerne sapere.

so solo quando una roba mi piace. e quando no.
e poi so quando una roba mi prende dentro.
ecco. questo film qui, doc, non me lo dovevi dare, cazzo.
questo film qui diventerà mantra. rituale. fetish.
è il terzo pezzo di una specie di santissima trinità.
prima mi hai dato da leggere la trilogia di magdeburg
(e come al solito, anche allora, non te ne è fregato una cazzo se stavo
abbastanza bene per sopportare l'emozione di leggere
di cose che vedevo da sempre nei miei sogni che altri definirebbero incubi.
Invece tutti gli altri sempre in punta di piedi. mi facevano cosi tanta paura...loro, mentre tu con le robe che mi davi e che mi dai mi fai capire che va tutto bene - e che non sto per morire!)

poi dopo mi dai il film in cui un ragazzino biondo con la pelle bianchissima
fa amicizia con una ragazzina strana che viene fuori a giocare solo di notte.
e ora questo.
ma tu che cazzo vuoi da me? che muoia di un orgasmo al cuore?
non ridere, doc, si può MO-RI-RE davvero di troppa emozione, di troppa bellezza e di troppa verità che non ha bisogno di parlare tanto. e tu lo sai bene.

tu magari ora dici "cazzo c'entrano le tre cose che hai scritto - non hanno nulla in comune."
per me sì invece. parlano delle cose di cui mi importa, parlano di quella che vorrei essere, mi dicono che non sono io quella strana ma tutti gli altri.
non è che tu mi dai queste cose e io li guardo, li leggo o li ascolto per poi dimenticarli.
io non CONSUMO.
io mi UNISCO a loro.
diventano una parte di me - una gamba, un orecchio....o in questo caso....un occhio. :)
quindi ora mi devi dare il tempo di metabolizzare....ah....e volevo dirti: fatti crescere la barba. sarai ancora più bello.

love, mod

p.s. consiglio il film a gio perchè si immerga in un mondo dove non è la forza fisica a farti sopravvivere ma la forza di sopportare e di capire quando è il momento di agire e dove la bruttezza è la vera bellezza!!! consiglio il film a milo perchè la natura che vedrà gli darà sollievo per un pochino. consiglio il film a colei che ....perchè lo so IO perchè. consiglio il film ad unwise perchè cosi gli prendo le misure. consilgio il film a chiara perchè cosi mi vede in una altra dimensione. consiglio il film a elvezio perchè cosi impara qualcosa! ;-) consiglio il film a dilaudid perchè cosi vede che ci sono deliri buoni. consiglio il film ad alessandro perchè ancora non gli ho fatto le carte - cosi passa il tempo. consiglio il film a Tom perchè cosi si ricorda come eravamo una volta.
agli altri non so. non credo sia un film "per tutti". se piace a me....

11 commenti:

robydick ha detto...

quando un film piace a mod piace sempre anche a me. continua a "non sapere un cazzo di cinema" come stai facendo, grazie ;-)

robydick ha detto...

p.s.: manca una L al titolo, che è Valhalla Rising.
ciao!

Marlene ha detto...

Non è il solito film sui vichinghi.
Introspettivo, spirituale.
Sembra quasi un documentario.
Un viaggio verso la redenzione del protagonista..
Sa sfiorare le nostre corde introspettive,
trova posto e si insinua. ;)
Gran bel film,
ed hai ragione, non è per tutti.

p.s. Me lo avevano sconsigliato, dicendomi che era lento e con pochi dialoghi, una noia.
Peccato che a volte..le parole...
hai detto proprio bene; sono troppe, gli occhi arrivano prima al cervello.

Vittoria A. ha detto...

Hey Mod! I've just got back from that trainig-thing (horror) I'll tell u all later.
Now I want to see this movie!!!
Mi ha preso troppo il trailer!

A big big hug + kisses
Vic

Elvezio Sciallis ha detto...

Ottimo consiglio.
Ho il film in nei labirintici terabyte del mio hd, lo sposto molto in alto nella pila delle visioni...

unwise ha detto...

consiglio accettato, da una persona intelligente cerco di non farne a meno...
cmq spero che le misure non siano quelle della mia bara... :)

Milo ha detto...

Grazie del suggerimento, lo cercherò!

"Let the right one in" , il secondo della tua trilogia, è un film che non si riesce a dimenticare facilmente. A me piacque molto. (Te ne invierò un'immagine)
Kisses!

perbacco ha detto...

Andrò alla ricerca del film, la trama mi ha preso tantissimo. La colonna sonora mi sembra azzeccata e a proposito di ciò ti suggerisco di ascoltare Sunn O))) "Monoliths & Dimensions". Monolitico, forse un po' ripetitivo, ma assolutamente perfetto per certi momenti.

215 ha detto...

sembra sfizioso come film,vedrò...e a proposito di "lasciami entrare" è in preparazione il remake amerigano :( (noi italiani doppiamo qualsiasi cosa..loro rifanno qualsiasi cosa)
215

Baol ha detto...

UN MALATO DI CUORE

"Cominciai a sognare anch'io insieme a loro
poi l'anima d'improvviso prese il volto."

Da ragazzo spiare i ragazzi giocare
al ritmo balordo del tuo cuore malato
e ti viene la voglia di uscire e provare
che cosa ti manca per correre al prato,
e ti tieni la voglia, e rimani a pensare
come diavolo fanno a riprendere fiato.

Da uomo avvertire il tempo sprecato
a farti narrare la vita dagli occhi
e mai poter bere alla coppa d'un fiato
ma a piccoli sorsi interrotti,
e mai poter bere alla coppa d'un fiato
ma a piccoli sorsi interrotti.

Eppure un sorriso io l'ho regalato
e ancora ritorna in ogni sua estate
quando io la guidai o fui forse guidato
a contarle i capelli con le mani sudate.

Non credo che chiesi promesse al suo sguardo,
non mi sembra che scelsi il silenzio o la voce,
quando il cuore stordì e ora no, non ricordo
se fu troppo sgomento o troppo felice,
e il cuore impazzì e ora no, non ricordo,
da quale orizzonte sfumasse la luce.

E fra lo spettacolo dolce dell'erba
fra lunghe carezze finite sul volto,
quelle sue cosce color madreperla
rimasero forse un fiore non colto.

Ma che la baciai questo sì lo ricordo
col cuore ormai sulle labbra,
ma che la baciai, per Dio, sì lo ricordo,
e il mio cuore le restò sulle labbra.

"E l'anima d'improvviso prese il volo
ma non mi sento di sognare con loro
no non si riesce di sognare con loro."

F. De Andrè

Sì, si può morire di emozione

modesty ha detto...

non volevo rispondere ai vostri commenti in questo caso. non perchè non sono belli ma perchè non c'era bisogno che scrivessi null'altro in proposito.

ma poi arriva Baol con questo testo e io mi commuovo, vado a cercare la canzone e penso: ma allora esiste. esiste l'affinità di un attimo fuggente.

mod