2.3.11

noi in germania facciamo cosi!

quando in italia critico la politica, i costumi, le ipocrisie mi si risponde spesso che tutto il mondo è paese. in realtà non è cosi.

ieri in germania si è dimesso il ministro della difesa. ha copiato il materiale della sua tesi di dottorato (in germania non si è laureati dopo 4 anni ma si scrive un dottorato solo dopo altri lunghi anni di studi e ricerca - la mini laurea non esiste) ed è stato beccato. ci ha messo tanto a dimettersi - due settimane. ma alla fine lo ha fatto.
la cosa difficile in questa facenda è che lui, membro dei conservatori della baviera, ricchissimo barone, sposato con una pronipote di bismarck (impegnata nella lotta contro la pedofilia - efficacemente recitata in una TV commerciale)  è amatissimo in germania. più della merkel. della coppia zu Guttenberg nel 2008 si parlava come degli Obama della Baviera. e anche ora la gente non è disposta a lasciarlo cadere del tutto il bel Karl-Theodor, detto KT. le interviste mostrano persone più dispiaciute e imbarrazzate che incazzate. la pagina su facebook "Wir wollen zu Guttenberg zurück" ha già 200.000 sostenitori - da ieri! lo smarrimento è palpabile. imbrogliare, copiare, mentire - tutte cose inaudite. quando vengono alla luce. a un tedesco medio sudano le mani al solo pensiero di essere nelle scarpe del ex-ministro ora.

importante è però che la maggioranza delle persone trova adeguate le sue dimissioni. deve affrontare probabilmente un procedimento penale per quel che ha fatto e ha detto che non lo può fare da ministro.

mi da sollievo tutto questo.

in italia la faccenda è stata vista cosi: http://www.repubblica.it/esteri/2011/03/01/news/bild_ministro_difesa_dimissioni-13038701/?ref=HREC1-12

love, mod

16 commenti:

listener-mgneros ha detto...

Parafrasando Rugter- Replicante...
"Ho visto cose che voi italiani....Ministri dimettersi per aver in gioventù sbagliato..."

unwise ha detto...

posso considerarmi tedesco onorario? :)

Zio Scriba ha detto...

tutto il mondo è paese un beato kazzo... chi mi offre asilo politico? Germania, Danimarca, Svezia, Norvegia, Olanda, Finlandia, Canada, Nuova Zelanda, Australia... ne basterebbe uno... dài, sono (quasi) un bravo ragazzo, e uno scribacchino che non copierebbe da altri neppure a minacciarlo col mitra!

VioletPussy ha detto...

...Capito Mod perchè vorrei trasferirmi alle'estero?!
Purtroppo mi mancano le palle per farlo...

Gio ha detto...

Quella che ci avete dato è un'umiliantissima lezione di civiltà.

Gio ha detto...

(e mettiamoci pure l'Atene di Pericle ;-) ).

il monticiano ha detto...

Ai "nostri" invece manca solo l'immunità se commettono un omicidio, tutto il resto non conta una beata mazza.

ps.Ti spiegasti benissimo e il template che ho scelto è questo odierno.
Vale, vale, non dire che non vale.

mod ha detto...

list) ci vorrebbe un po' di Rutger in veste di replicante in italia...yeah!

un) puoi. anche perché la germania concede asilo politico a tutti.

nicky) è il quasi che mi preoccupa... ;-)

Vi) non è questione di palle...è tipicamente italiano di non voler vivere all'estero. in passato emigravano per fame, mica per spirito di avventura, eh?! e noi in italia alla fame non siamo.

gio) nessuna lezione per nessuno. ma andava raccontato. qui in italia è passato quasi in osservato - ovvio, no?!

al) ma te la conosci la tipa del template??? mi pare poco seria... ;-)

love to all, mod

marco ha detto...

In un servizio al telegiornale, non mi ricordo quale, e neanche se italiano o francese, ho sentito che ha detto, nella sua conferenza stampa in cui annunciava le dimissioni, che gli sembrava troppa l'attenzione della stampa per un fatto accaduto così tanto tempo fa, ma faceva comunque quello che lui stesso avrebbe chiesto ad un altro se si fosse trovato nelle sue condizioni.
Anche la signora ministro degli esteri francese si è dimessa in questi giorni per questo (copio da un sito a caso):

"La Alliot-Marie durante le vacanze di Natale aveva fatto un viaggio in Tunisia a bordo di un aereo di un uomo d'affari vicino all'ex presidente Ben Ali. In Francia era subito scoppiata la polemica per questo suo atteggiamento ritenuto accondiscendente nei confronti del regime di Ben Ali."

Ogni commento è inutile.

ciao

Alligatore ha detto...

A noi ci fregano i tarallucci e il vino (più i tarallucci). Scherzi a parte, qui si dimette chi non dovrebbe (vedi Marrazzo), e resta al suo posto chi dovrebbe dimettersi (vedi alla voce Silvio).

Gap ha detto...

E' che voi teutonici siete esagerati, non conoscete le mezze misure. Un po' di buona arte del sopravvivere non vi farebbe male!!

P.S. Scherzoooooooo

P.S. 2 la parola di verifica è Probi, può riguardare qualcuno?

mod ha detto...

marco) oggi più che mai mi piace l'immagine del tuo profilo di blogger : don't panic. mi pare un ottimo consiglio per noi tutti che siamo in attesa che succeda qualcosa in Italia.

alligatore) concordo con te su marrazzo!

gap) marò...proooBiiii. ancora lui?! meglio nichy vendola...anche se ha una parlantina un po' pallosa... :)

Ev@ ha detto...

In Italia, certa cinematografia sopratutto comica post-bellica, ha giustificato l'imbroglione con l'emergenza ma lo ha issato verso una dignità che, tutto sommato, non meritava. Abbiamo relegato il modo drammatico, che sarebbe stato opportuno, alle segrete stanze. Tutto fastidosamente corroborato a un dare la responsabilità di tutto il male ai tedeschi, popolo che prediachiamo sia "altro" ma a cui invece siamo legati a doppio filo dagli albori dell'umanità.
Comunque, qualcosa come tu racconti, in Italia, sarebbe liquidato come "errore di gioventù" o "bravata". Sembra un inezia, ma certe deviazioni interpretative sono alla base del mostro che abbiamo creato e di cui pagheremo le conseguenze per molti anni.
A proposito: che non sia possibile un persistere di quel tipo di politica lo dimostra il fatto che lui, qui, di fatto non abbia un degno erede. In questo momento lo vedo davvero solo, isolato. E le sue "feste" mi sembrano quella che si svolgeva sul Titanic mentre affondava. Segni brutti, molto brutti. Per lui, s'intende. E il suo gigante comunicativo, stavolta gli si sta voltando contro, perchè sta dando -sopratutto a lui- un immagine della realtà falsata.
Per noi la fortuna è che, questo mondo, si regge su tutt'altro che la politica che infatti è diffusamente percepita come parassita perché non interpreta ciò che è, veramente, quello che davvero è il sociale. Risponde, e sospetto solo sopratutto da un punto di vista comunicativo, solo alle emergenze. L'italia ha, in qeusti anni, accumulato solo ritardo rispetto al mondo al quale suppone di appartenere.
Anche la nostra "moda" segna il tempo. Alla nostra seduzione non crediamo più nemmeno noi: ci siamo ridotti a ridicoli "addicted" di una dozzinale pornografia.
Questo modo "italiano" che si è instaurato -decisamente dagli anni '90 in poi- a ha progressivamente emarginato il mio pensiero, quindi me. E stato doloroso... io una volta amavo qeusti posti, il posto in cui vivo. Oggi, sradicata nell'anima dal fatto di non parlare ormai da anni, quando prendo il caffè al bar, di quello che è "successo" in televisione la sera prima, cammino per le strade della mia città tra gente incazzata, che ha in mente solo immagini irrealizzabili alternate a fughe nell'altrove in cui ti porta il cellulare, pensando: ma come ho fatto, io, qeulla volta, ad innamorarmi di un luogo del genere?

Alligatore ha detto...

.... e su Silvio no?
verifica parola: press

mod ha detto...

ev@) ti ringraziato per il tuo commento. alle volte ci si dimentica che i guai di oggi affondano le radici in un paassato dal quale nessuno sembra mai capace d'imparare qualcosa di buono. di cuore, mod

alligator) mi credi che son stufa di sentirne parlare?!

love, mod

fabio r. ha detto...

la dignità di un uomo si vede soprattutto dal suo comportamento "pubblico" che attiene a fatti privati, altro che - come dicono da noi - "e la sua vita privata, e che sarà mai ecc ecc...
L'abisso tra l'Italia ed il mondo civile si fa ogni giorno più ampio... sigh!