11.2.08

SENTIMENTAL LONDON

ieri notte sono stata portata quasi a peso in un posto dove nel '87 ho fatto in tempo a vedere e sentire suonare gli ultimi veri punk girls. era musica bruttissima, ma che a me pigliava direttamente alla bocca dello stomaco. gente veramente pericolosa per se e gli altri. gente che se ne fregava della morte e tutto il resto.
oggi è sempre un posto punk - ma solo per gente elegante e bellissima. All porta un bestione non fa entrare che quelli belli con soldi. A mio fratello e me viene da ridere, perché una volta era esattamente il contrario: dovevi davvero fare schifo o almeno essere completamente fatto per poter entrare. Insomma beviamo una roba e decidiamo di cambiare posto.... e abbiamo fatto bene perché, nonostante il grave incendio a Camden la notte prima, in quel posto c'era musica che mi piace, gente allegra ma non troppo - giusto quel che cercavamo!

stay tuned...be back soon for the rest of the story!

1 commento:

Andrea ha detto...

Non è che la musica fosse bruttissima, era, e alle volte lo è ancora in alcuni generi musicali, più una forma d'espressione , un modo d'essere, che vero e proprio suono armonizzato. Era un qualcosa di fisico, che ti colpiva prima sul corpo che nella testa. Pura e semplice emissione di energia, all'internao della quale i concetti classici legati alla creazione musicale perdevano di significato. Non è un caso che spesso nei concerti dei Pistols, tanto per citare il gruppo più universalmente noto, quasi sempre Sid Vicious non aveva neppure il baso collegato all'ampli. Ma potevano esistere i Pistols senza di lui?