24.2.10

occhio, baby! - vol. 2

quando succede qualcosa di brutto all'improvviso
a me sembra sempre che tutto intorno a me rallenti,
che i rumori li senta
come deve sentirli
un pesciolino rosso
nella sua bella boule piena d'acqua dolce.

questo strano stato - autoprotettivo I suppose -
viene ogni tanto interrotto da una specie di
flash
in cui vengo presa a tradimento da imagini e suoni esterni
oppure da una mia rabbia cieca che viene a galla
come se fosse uno di quei cosi che ci sono in islanda,
avete presente,
quei pozzi che ogni tanto sparano delle fontane di acqua bollente in aria?!

sta per iniziare una nuova serie nella TV tedesca VOX.
si chiama
"lie to me" (tradotto "mentimi")
e ha come protagonista principale
tim roth nel ruolo di uno specialista nel riconoscere
quando una persona mente.
penso che lo guarderò sperando di imparare qualcosa che ancora non so.
e poi lui mi piace da sempre.

resto tutto il giorno attaccata al video di nick cave poi.
già lui è uno che m'attira
per la sua fisigonomia
e la voce stranamente suadente ma non ipnotizzante.
e poi queste persone nel video
mi tramettono qualcosa.
non so.
non che mi faccia sentire meglio.
ma almeno si placa la rabbia.

in mezzo telefonate tra ospedale e me.
vogliono fare ulteriori esami,
convincermi a tornare.
alla fine mi chiama il "servizio-salvaguardia-dei-diritti-del-paziente" (no kidding! non sto scherzando!)
alla fine dico alla tipa ("buon giorno, signora, mi chiamo cinzia" - "ecco, vedi, andiamo già male!") che se non la piantano li denuncio per stalking.
funziona.
non li ho più sentiti.

ovviamente mi sono fatta consigliare un oculista in gamba
e fuori città.
già al telefono (si piglia il tempo necessario) mi dice che sarà difficilissimo che
mi torni la vista come prima.
penso che magari vedere il mondo come attraverso il cosino di una macchina fotografica vecchio stile (cazzo, mi mancano le parole oggi!), forse non è la fine di detto mondo.

riguardo per la non-so-quale-volta "the international" in cui un attore italiano che una volta ho visto in un talkshow politico italiano in cui sparava un sacco di cazzate pseudo-di-destra recita la parte di un politico che alla fine sceglie la parte dei giusti e per questo lo fanno fuori - bel film, pervia del protagonista clive owen (sin city!) sempre col cuore in gola, perché non fa altro che correre, sparare e prenderle in tutto il film.

parlo con mio figlio
che mi dice che non sa cosa dire.
gli dico che è giusto cosi: non c'è da dire niente. alle volte capita.
ci abbracciamo a lungo.
poi guardiamo - ormai è notte - pattinaggio artistico delle donne.
ce n'è una che guadagna tutta la nostra attenzione.
si chiama joannie rochette.
le è morta la madre il giorno prima della gara
e lei è lì sul ghiaccio a pattinare
in "onore della mamma morta". (e poi il suo agente dice "CI (chi?!) siamo preparati per anni per questo evento")
ad esercizio ultimato scoppia a piangere
e noi con lei.
dopo un po' ci guardiamo
e all'unisono diciamo
(mio figlio) mama, ti prometto che non farò mai nulla in tuo onore.
(io) promettimi che non farai mai nulla in mio onore.
e ancora baci e abbracci di quelli che ti ricorderai per sempre.

la pattinatrice italiana viene osannata dagli italiani che raccontano la gara.
dicono ogni volta che lei ce-la-può-fare e ogni volta cade o comunque non è all'altezza delle altre.
a me da la sensazione di una stangona un po' goffa che ha scelto semplicemente lo sport sbagliato.

dormiamo nel lettone.
ognuno un bottone dell'ipod nell'orecchio.
nick cave.
bob dylan.
cohen.
mormora mio figlio già mezzo addormentato "però domani scelgo io".

stamane faccio colazione tardi.
ho dormito bene.
metabolizzare le brutte cose
è come partorire: fuori il dente, fuori il dolore.

suonano il campanello.
katia.
"ho saputo che ti è successo."
"cazzo vuoi?!"
"non dovevi venire, cosi, senza avvisare"
"e allora?!"
va in cucina.
"vuoi caffè anche tu?"
"no."
sedute al tavolo ci guardiamo serie. lei sorseggia pensierosa il caffè. poi...
"hai ancora i capelli - è già qualcosa."
"fanculo"
(sorride) "va bene, ma solo quando starai meglio"

la vita non sta mai ferma un attimo.
non ti da il tempo di croggiolarti in quel che ti succede.
ekkekkazzo.

14 commenti:

fabio r. ha detto...

lie to me lo conosco, l'ho visto su fox, è semplicemente geniale, te lo consiglio di cuore.
per il resto, che dire? ti abbraccio da lontano, ma di cuore!

dilaudid ha detto...

mi offro per soffocarti nel sonno, una cosa veloce con il cuscino. gli amici si vedono nel momento del bisogno

MINT ha detto...

Sui commentatori sportivi italiani la pensiamo allo stesso modo.
Katia deve imparare le buone maniere (ma e' adorabile quando non si comporta ammodino)
L'erede si conferma un gran fico.

Se vuoi siamo su skype.

Next week long in Milan

oceano ha detto...

heissen die nicht GEYSIERE???? boh ;)

Ozean

guggenheim ha detto...

ho letto gli ultimi due post e sono arrivato a te tramide Chiara di Notte.
Mi sa che ti leggero'
Oggi sono scazzaincazzato e non mi va di scriverti nulla.
Tu dirai azzomeneffrega.
Appunto.
Gugge

Vittoria A. ha detto...

Ciao Mod, I'm so sorry and I really mean it. As I have always thought, you have the greatest sense of humor and strength. And you have yourself. Piu' un sacco di altre cose e sei unica. Grazie del commento che hai lasciato da me, mi hai fatto ridere e passare la paura di tante cose.
Ti abbraccio forte, ma proprio forte.

Gio ha detto...

Sei bellissima.

Dioneus ha detto...

Ciao, scusa ma non trovo le parole dopo aver letto questo post. Hai ragione, la vita non ti dà il tempo di goderti dei piccolo piacere. Un bacione,D

Pupottina ha detto...

anche io aspetto la nuova serie di Lie to me ...
mi piace Tim Roth in quel personaggio!
anche in funny game, se ti capita ... guardalo...
buon proseguimento

^______________^

modesty ha detto...

@fabio) ...abbiamo più di una serie in comune gradimento mi sa. sto cercando di trovare le mie 10 preferite di sempre...ma allora ci dovrei mettere anche quelle degli anni 70 e 80...and, man, that's kind of kinky...

@dilaudid)...mi fa piacere che ti sei deciso a voler essere "amico-di-mod". trattandosi di un vero e proprio marchio (brevettato anche) ovviamente sai che dovrai sostenere dei colloqui prima e dei test pratici dopo, che, non ho alcun dubbio, supererai brillantemente. poi parleremo di come vorrei essere "graziata" quando sarà il momento. ti posso però dire sin da ora che il cuscino non è consigliabile. troppi sarebbero i pericoli che correresti - nel tuo caso sarei più per un fucile a precisione usato da almeno 500 metri di distanza - cosi, per la tua incolumità. ;-)

@oceano)...mo bravo oceano. stell dir vor: auf deutsch hätt ich das glatt auch noch gewusst....marò....:)

@gugge) ...eh! :)

@vic)...we have a date, remember! :) l.u.2

@gio)...gio, non devi mangiare troppa cioccolata...vedi cosa ti succede!!! :)

thanks to all anyway!

love, mod

il monticiano ha detto...

Ehi! Mod!
Ormmai credo tu l'abbia capito che sono una disgrazia per l'umanità intera nel senso che mi sto dannando per trovare quelle foto in bianco e nero che tu riesci a mettere sul post
e io invece neppure un'ombra.

Pregasi provvedere at informazione richiesta STOP gratitudine passata presente et futura STOP apprezzerei rapida risposta STOP saluti et baci STOP

Gozer ha detto...

l'oculista più in gamba del pianeta sta a Basilea, se ti interessa ti do i riferimenti. :*

lil ha detto...

kkekkazzo sì, kkebello! certo che con cohen dylan e cave nel lettone dovevate starci proprio stretti ;)

modesty ha detto...

al) cerca "helmut newton" con l'opzione "immagini" di google.

gOOse) no long travelling for me right now. but thank you.

lil) sìììì. quello stretto che non ti fa cadere. :)